Clemente Tafuri

I ritratti, le scene di vita quotidiana, le sue nature morte ed i paesaggi fanno di Clemente Tafuri un punto di riferimento del realismo napoletano. La pittura energica e vivace, il suo esuberante cromatismo diffondono con successo le sue opere in Italia ed all’estero.

Clemente Tafuri nasce a Salerno nel 1903 e si forma presso la bottega di un ornatista salernitano, frequenta l’Accademia di Belle Arti di Napoli dove eccelle sin da subito in una pittura dai tratti originali e dal vivido cromatismo. Fu erede del colore e della luce della scuola napoletana di metà Ottocento, studiò in modo accurato  anche il Seicento e Caravaggio.

La sua pittura energica ne rispecchiava la personalità decisa ed irrequieta, che lo spinse a  viaggiare molto in tutta Italia, soprattutto durante gli anni della seconda guerra mondiale. Soggiornerà a Fiume, Milano, Roma e Ravello oltre che nella sua Salerno per stabilirsi definitivamente a Genova dove morirà nel 1971.

Nel corso della sua carriera, partecipa a diverse mostre e ottiene numerosi premi. Gli vengono dedicate personali a Roma, Genova, Napoli, Cannes, Losanna e Marsiglia.

Tra gli anni Quaranta e Cinquanta collabora come illustratore alla “Domenica del Corriere”. Nel 1950 esegue una serie di quadri di storia per la sala consiliare del municipio di Cava dei Tirreni. A Salerno, nel 1970, un anno prima della sua morte, viene organizzata una grande antologica nel Salone dei Marmi del Municipio. Diverse sue opere sono conservate presso i Musei Vaticani, nel Municipio di Cava dei Tirreni, nel Palazzo dei Crociati a Milano. Un San Matteo realizzato da Clemente Tafuri nel 1936, fu donato dalla città di Salerno per la presa d’Etiopia ed oggi si trova nella cattedrale di Addis Abeba.

Newsletter

Iscriviti
Iscriviti

La newsletter di Salerno Cultura contiene informazioni e segnalazioni su eventi, attività e iniziative organizzate o sostenute dal Comune.