Concerti

L'Arte per la Giustizia

  • pinwhite

    Museo Diocesano S. Matteo

  • calendar

    Dal 15/09/2023 al 27/10/2023

  • Orario

    orario:

  • Durata

  • Costo

    Costo: 0€

  • Organizzatore

    Organizzatore: Conservatorio di Musica Giuseppe Martucci

Sito web
Concerti head

L'evento

L’ARTE PER LA GIUSTIZIA
IV Edizione
15 SETTEMBRE – 27 OTTOBRE 2023
MUSEO DIOCESANO SALERNO
Progetto artistico e culturale originale per promuovere la riflessione sui grandi temi della giustizia e della legalità e la loro interpretazione attraverso la Conversazione e i linguaggi della Musica e delle Arti. L’ideazione e progettazione di Imma Battista e il coordinamento artistico sono di Imma Battista e Tiziana Silvestri
___________________________________________________________________

Concetti ispiratori del progetto L’ARTE PER LA GIUSTIZIA
Nella Cappella degli Scrovegni a Padova è conservato un affresco rappresentante la Giustizia e facente parte di un ciclo dedicato alle virtù. Giotto, a cui è attribuita l’opera, pone la Giustizia, unica fra tutte le altre, seduta su un trono.
Nella composizione dell’affresco trovano spazio due piatti di una bilancia nei quali sono collocati due angeli. Quello di destra sguaina una spada nell’atto di colpire chi ha commesso crimini, quello di sinistra incorona un uomo seduto. Vediamo dunque che, anche nella simbologia cosiddetta di contorno, il ricorso alla teoria aristotelica é evidente, laddove si voglia interpretare l’angelo di destra quale simbolo della Giustizia distributiva ossia quella che regola i rapporti pubblici e l’angelo di sinistra quale espressione simbolica della Giustizia commutativa, ossia quella che regolamenta i rapporti privati.
Il concetto di Giustizia è un concetto astratto che non vive attraverso l’immagine. Questa sua natura, può rappresentare, però, soprattutto per chi non è in possesso di strumenti speculativi assoluti, un limite di comprensione del suo significato più profondo.
Eppure, il tema della Giustizia ha una forte centralità nella vita dell’individuo, ed è proprio dalla necessità di comprenderne appieno i significati che scaturisce quella di condurla verso un fatto concreto.
In questa azione, l’uomo ha sempre fatto ricorso alle Arti, il cui potere espressivo è in grado di coniugare astratto e concreto.
L’espressione artistica dunque intesa come seme fecondatore di valori all’interno dell’individuo è un concetto che ha caratterizzato la cultura fin dall’antichità.
Nella contemporaneità, ricorrere all’arte per costruire i principi migliori della società è un’azione necessaria che restituisce l’una al suo significato più profondo e sensibilizza l’altra verso la bellezza come ricerca delle soluzioni alle problematiche che la avviliscono.
_______________________________________________________
                                 
L’Arte per La Giustizia a Salerno
Dall’ascolto delle riflessioni sopra esposte è nata a Salerno “L’Arte per la Giustizia” progetto concepito dal Conservatorio Martucci e realizzato grazie ad un dialogo fecondo tra uomini ed Istituzioni della città.
L’idea si propone di costituire una sorta di osservatorio sui grandi temi legati al rapporto tra l’individuo e la giustizia e di interpretarli con il linguaggio della Musica e dell’Arte, e attraverso Conversazioni con personalità ed esperti del tema trattato, traghettandoli per mezzo di esse fuori dalla cronaca sterile verso un atto di presa di coscienza che l’individuo è chiamato a compiere per il rispetto di quella regola che disciplina ed equilibra i rapporti del vivere civile.
Ne sono stati promotori, nelle precedenti edizioni, il Conservatorio “G. Martucci”, la Procura della Repubblica di Salerno, la Curia, la Prefettura.
Nell’arco di tre edizioni sono stati proposti ed interpretati circa venti temi della Giustizia per la cui realizzazione ha contribuito l’artista Olga Marciano, fondatrice e Presidente della Biennale d’arte contemporanea di Salerno ed oltre 300 fra musicisti ed artisti che hanno realizzato i concerti e le mostre.    

IV Edizione  2023
L’edizione 2023 che si terrà presso gli spazi architettonici del MUSEO DIOCESANO propone 6 appuntamenti i cui temi sono strettamente dedicati ai più recenti dibattiti politici. Ogni tema, come nelle precedenti edizioni si articola in tre diversi momenti che sono costituiti dall’inaugurazione di una mostra; da una conversazione con esperti e studiosi del tema proposto e da un concerto.


I TEMI:  
SONO QUEL CHE SENTO Riflessioni sul tema del GENDER FLUID / IDENTITA’ SOTTRATTE Riflessioni sul tema del FURTO DI IDENTITA’ DIGITALE/QUANTO PESA UNA LACRIMA?/Riflessioni sul tema dei MINORI/CONDIVIDIAMO IL MONDO Riflessioni sul tema dell’IMMIGRAZIONE/PASSAGGI E TRASCENDENZE Riflessioni sul tema dell’EUTANASIA/DONNE CHE INCORRONO NEI LUPI Riflessioni sul tema della VIOLENZA DI GENERE
GLI ARTISTI:
Le mostre saranno realizzate dagli artisti: SARA NAPOLITANO, TOMMASO SANSANELLI, ALFONSO GRANATI, ANTONIO MARICONDA, STUDENTI del LICEO ARTISTICO SABATINO – MENNA a cura del Prof Nicola Guarini e il coordinamento di Ester Andreola; LAURA BRUNO, LILLIANA COMES.
LE CONVERSAZIONI:
Alle conversazioni condotte dal giornalista Eduardo Scotti interverranno: MARIA ALFANO, Dirigente scolastico I.I.S.  DE FILIPPIS – GALDI; ANTONELLA GRANDINETTI, Psicologa; GIUSEPPE BRANDO, ingegnere informatico; CECCHINO CACCIATORE, avvocato penalista;      PATRIZIA IMPERATO, Procuratore della Repubblica presso il Tribunale per i Minorenni di Salerno; ELISABETTA BARONE, Dirigente scolastico del Liceo Alfano I; GAETANO RUSSO, Direttore artistico della NUOVA ORCHESTRA SCARLATTI; RENATA FLORIMENTE, Dirigente Liceo Sabatini – Menna;   ALFONSO ANDRIA, Presidente Centro Universitario Europeo per i Beni Culturali; ROCCO ALFANO, Procuratore aggiunto presso il Tribunale di Salerno; CORRADO LEMBO, già Procuratore della Repubblica di Salerno;  On GUIDO MILANESE, Delegato interministeriale del Ministro dell’Ambiente; JOSE’ MARIA GALVAN, Ordinario di Teologia Morale presso la Pontificia Università della Santa Croce; GIUSEPPE BORRELLI, Procuratore della Repubblica di Salerno; DONATELLA CARAMIA, Neurologa e scrittrice; TERESA LIGUORI, avvocato, coordinatrice Sportello antiviolenza SELENE.
I MUSICISTI:
I concerti saranno realizzati da ROSALBA VESTINI, pianista, dai cantanti lirici ROSITA RENDINA, CAMILLA CAROL FARIAS, GIUSEPPE MANZO, ELENA CAPASSO, ALFONSO PESCE/ I Flauti di Toscanini, PAOLO TOTTI, direttore; MARCO PETRAGLIA, flauto solista/ SAMNIUM CLARINET CHOIR, Salvatore Ruggiero oboe solista, DAMIANO D’ANGELO, clarinetto solista, GAETANO FALZARANO,, direttore/  GIOVANNA BASILE, pianista; DAVIDE CESARANO, pianista/ CARMINE RICCO, pianista; LUIGI MERONE, pianista/ LIBERATO SANTARPINO, autore, EMILIA ZAMUNER voce, GIUSEPPE SCIGLIANO, bandoneon, MARCO DE GENNARO, pianoforte, GIANMARCO SANTARPINO, sassofono e con la partecipazione straordinaria dell’attrice CINZIA UGATTI

Il Concerto del 29 Settembre è dedicato alla memoria di Giovan Battista Cutolo e si aprirà con l’esecuzione di un brano di Bach trascritto per ensemble di fiati di Giovan Battista Cutolo.
Le mostre e i concerti saranno introdotti da Donatella Caramia   Alfonso Todisco, Renata Florimonte, Nicola Guarino.

La realizzazione dell’intero progetto è promossa e organizzata dal Conservatorio Martucci di Salerno e coordinata dall’Ufficio di Produzione.

 

 

Mappa

Loading ...

Potrebbe interessarti anche

Salerno Letteratura Festival 2024
rassegnerassegne

Salerno Letteratura Festival 2024

  • pin
  • pinDal 15/06/2024 al 25/06/2024
105° Anno di Fondazione U.S. Salernitana
manifestazionimanifestazioni

105° Anno di Fondazione U.S. Salernitana

  • pinPiazza Casalbore
  • pinDal 18/06/2024 al 19/06/2024
Puccini Opera Gala - Festa della Musica 2024
musicamusica

Puccini Opera Gala - Festa della Musica 2024

  • pinTeatro Municipale Giuseppe Verdi
  • pinDal 21/06/2024 al 21/06/2024